ASSOCIAZIONE ASTROFILI ISNELLO
""G.PIAZZI"





HOME - CHI SIAMO - DICONO DI NOI - MANIFESTAZIONI - FOTO FILMATI - CONTATTI - CONSIGLI TECNICI LINK - ASTRONEWS  

 IL PARCO ASTRONOMICO DELLE MADONIE - GAL HASSIN - BIBLIOTECA - ESPLORAZIONI SPAZIALI


Giuseppe Piazzi

Giuseppe Piazzi (Ponte in Valtellina,16 Luglio 1746 - Napoli, 22 Luglio 1826).
Padre teatino astronomo e matematico dopo gli studi insegnò filosofia a Genova e matematica all'università di Malta. Nel 1779 insegnò religione a Roma. Nel 1781 fu' chiamato presso la Reale Accademia degli Studi di Palermo e nominato professore di Astronomia. Per un periodo venne inviato dall'Accademia a Parigi e Londra per affinare le osservazioni del cielo. Ritornò a Palermo alla fine del 1789 ed il 1° luglio del 1790  ottenne l'autorizzazione da  Ferdinando I re delle due Sicilie a costruire una Specola presso la torre di S. Ninfa del Palazzo Reale. L'Osservatorio Astronomico fu' completato nel 1791. Venne nominato direttore dell'Osservatorio e mantenne tale carica fino al 1817, fu chiamato successivamente a Napoli per dirigere la costruzione dell'Osservatorio Capodimonte, divenendo così direttore sia dell'Osservatorio di Palermo che di Napoli. Piazzi il 1 Gennaio del 1801 scoprì il più grande 'asteroide della fascia principale   fra Marte e Giove. Lo  chiamò Cereres Ferdinandea in onore della dea romana Cerere protettrice del grano e della Sicilia e del re Ferdinando I delle due Sicilie. Successivamente Ferdinandea venne tolto perché non accettato dalle altre nazioni europee. Piazzi nel 1803 pubblicò il catalogo "Praecipuarum Stellarum Inerrantium"  e nel 1814 "Positiones mediae ineunte Saeculo XIX"  queste due pubblicazioni parlano delle posizioni delle stelle. Piazzi si spense a Napoli il 22 Luglio del 1826.

                

 

CHI SIAMO

L'associazione Astrofili Isnello G. Piazzi è una associazione che si occupa dello studio e divulgazione delle scienze astronomiche. Creata il 22-0ttobre 2009  da appassionati di astronomia. Gestisce dei telescopi donati in comodato d'uso dal Comune di Isnello (Pa). Batteria di telescopi che comprende: Un telescopio riflettore Newtoniano di 200 mm. sei telescopi Newtoniani di 150 mm. un rifrattore di 80 mm.. Con questi telescopi l'associazione ha organizzato diverse serate osservative nei paesi delle Madonie (Isnello, Castelbuono, Pollina, Caltavuturo, Collesano). Ha organizzato dei video forum, conferenze e  osservazioni periodiche  della volta celeste (manifestazioni). L'associazione  raccoglie l'esigenza dei tanti appassionati di astronomia madoniti, e non solo, di vedersi discutere, approfondire, confrontarsi e crescere culturalmente nel vasto campo delle scienze astronomiche.






























 

   I
Il Logo

                    

                Perchè questo logo?

 


                

E' un ricamo in filet su rete di filo d'oro, di notevole fattura artistica prodotto da allieve della scuola d'arte "Isnello ricama" che raffigura  un girale, un vortice, la spiralità di una galassia. Rappresenta la targa premio Gal Hassin che viene assegnata dal Comune di  Isnello ad Astrofisici che si distinguono nella ricerca e divulgazione delle scienze astronomiche. Il premio Gal Hassin 2009 è stato assegnato al Dott. Mario Di Martino nel  2010 al Dott. Marcello Coradini, 2011 la Dott.ssa Margherita Hack.